PASOLINI, POUND E IL MITO DEL MONDO CHE FU – Limes

1. I TEORICI DELLA DECRESCITA, SERGE LATOUCHE in testa, propongono sovente analisi e considerazioni allarmanti sullo stato di salute del pianeta: lo stile di vita basato sull’idea di una crescita economica illimitata – dicono – sta provocando un’accelerazione delle catastrofi naturali, ecologiche e biogenetiche, la scomparsa quotidiana di un numero considerevole di specie animali e vegetali e un dissolvimento progressivo delle risorse naturali non rinnovabili. «La quantità di foreste, acqua e terra disponibili è limitata. Se tutto viene trasformato in climatizzatori, patatine fritte e automobili, si arriverà al momento in cui non resterà più niente» 1. Da ciò, il loro auspicio per un’inversione di rotta che eviti all’umanità uno schianto planetario. Nemmeno certi scenari apocalittici, però, sembrerebbero far breccia nella coscienza di quelli che essi definiscono «drogati del produttivismo» e pare confinato in un orizzonte assai lontano il momento in cui ci libereremo della spasmodica

Sorgente: PASOLINI, POUND E IL MITO DEL MONDO CHE FU – Limes

Annunci

Informazioni su alepeluso

Laureata in filosofia - Dottore di ricerca in Scienze bioetico-giuridiche - poeta - critico letterario - correttore di bozze - editor - edonista - alla ricerca continua della verità. Amante del sapere, della vita, della poesia.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...