MIE CONSIDERAZIONI SULL’ETERNITÀ

Eternità: una parola, un valore dimenticato.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

INTERVISTA a Silena Santoni – Una ragazza affidabile — Le trame del destino. Libri e dintorni.

INTERVISTA a Silena Santoni (Articolo per MilanoNera ) Silena Santoni è nata e vive a Firenze, per molti anni ha insegnato Lettere nelle scuole medie e superiori, ha frequentato una scuola triennale di recitazione e scrive brani e adattamenti teatrali per la compagnia Katapult nella quale recita. Vuole raccontare qualcos’altro di sé ai lettori di […]

via INTERVISTA a Silena Santoni – Una ragazza affidabile — Le trame del destino. Libri e dintorni.

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Bioetica e biodiritto, in Sala Regia a Viterbo — Ilmagazine.it

di Mariella Zadro Se n’è parlato oggi, sabato 5 aprile, presso la Sala Regia del Comune, nell’ambito del 14°Festival del Volontariato. Il relatore, Leonardo De Angeli, ha saputo guidare i presenti, sulla riflessione di argomenti molto delicati. La tutela della vita umana e quella degli animali nell’ambito del biodiritto, è in continua evoluzione. Tutto ciò […]

via Bioetica e biodiritto, in Sala Regia a Viterbo — Ilmagazine.it

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Festival Europa in Versi 2018 — La poesia e lo spirito

Al via il prestigioso Festival di Poesia Europa in Versi, giunto alla sua ottava edizione sotto la direzione della Casa della Poesia di Como. Il Festival si terrà da venerdì 18 a domenica 20 maggio, con eventi riservati alle scuole nella prima giornata ed incontri aperti al pubblico nei due giorni seguenti. Si segnala in particolare l’International Poetry […]

via Festival Europa in Versi 2018 — La poesia e lo spirito

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

SESSANTOTTO. CANI SCIOLTI, di Gianfranco Manfredi

rizione: Macintosh HD:private:var:folders:4v:y29sffds2v55d7xk72_3

A 50 anni dai moti studenteschi del 1968 arriva in fumetteria e libreria

 

SESSANTOTTO. CANI SCIOLTI

di Gianfranco Manfredi

 

Disponibile dal 24 maggio il volume che raccoglie i primi due episodi

della serie ambientata nei mesi delle occupazioni universitarie di Milano

 

In anteprima al Salone del Libro di Torino domenica 13 maggio

 

Primavera 1968.

Sei giovani studenti, intorno ai vent’anni, stringono amicizia a Milano, nel corso delle prime occupazioni delle Università e dei licei e delle manifestazioni di piazza. Non appartengono a nessun gruppo politico definito, partecipano semplicemente alle esperienze di lotta della loro generazione. Sono “cani sciolti” anche in un senso più ampio: attenti ai loro percorsi personali, aperti ai cambiamenti, non conformisti: tutti in qualche misura “ribelli” rispetto alle loro famiglie e allo stile di vita delle generazioni che li hanno preceduti.

È da qui che prende il via Sessantotto. Cani Sciolti di Gianfranco Manfredi, il volume che arriverà in libreria e fumetteria dal 24 maggio all’interno di Audace, nuova etichetta di Sergio Bonelli Editore: non una collana ma un ombrello sotto il quale vengono raccolti progetti con una caratterizzazione narrativa e grafica dal taglio più “adulto” rispetto alle abitudini della Casa editrice.

La pubblicazione si colloca nell’ambito del cinquantenario dei moti studenteschi del 1968 e propone i due episodi iniziali della serie ideata e sceneggiata da Gianfranco Manfredi, che arriverà poi in edicola a partire dal prossimo autunno con i disegni e il design dei personaggi di Luca Casalanguida. Cani sciolti  è la prima vera incursione della Bonelli nella storia italiana recente: l’intento non è quello di presentare le vicende in maniera didascalica, bensì di seguire la quotidianità dei personaggi, per capire come il mondo che si andava trasformando ha cambiato loro. Gianfranco Manfredi, scrittore e sceneggiatore di fortunate serie come “Magico Vento”, “Volto Nascosto” e “Shangai Devil”, dipinge infatti un affresco che, attraverso il racconto della vita di persone comuni, fotografa per riflesso la storia del nostro paese. E ci accompagna così attraverso la crescita e le scelte private di sei personaggi che ci diventano via via familiari e amici, mentre si muovono tra le aule dell’Università degli Studi di Milano, i cortili della Cattolica, il Bar Magenta e gli amati negozi di dischi.

 

Incontriamo quindi nel corso della storia la determinata Lina Mastai, figlia di pasticceri e studentessa di Lettere e Filosofia dove segue il corso di Psicologia. Lina vive in una casa di ringhiera, si mantiene con piccoli lavoretti occasionali e partecipa al movimento femminista. C’è poi Margherita Bignami (detta Marghe), la più giovane e anche la più ricca del gruppo. Marghe abita in un palazzo prestigioso: suo padre è un dirigente di Mediobanca, con un passato da partigiano in Giustizia e Libertà; sua madre è una donna inquieta, che non riesce ad adattarsi al ruolo di moglie borghese. Tra i corteggiatori della ragazza ci sono Armando De Barzi (detto Deb), milanese doc con padre imprenditore edile e madre casalinga, e Turi Melluso, espulso dall’Università Cattolica per indisciplina, amante della moto e di Steve McQueen, figlio unico di padre siciliano (vigile urbano) e madre religiosissima. Amico stretto di Turi è Milo Colombo, figlio di una ragazza madre che gestisce un negozio di dischi.  Paolo Sarti (detto Pablo) è invece piemontese. Sua madre gestisce un albergo/ristorante a Pinerolo e suo padre è un ex partigiano figlio del popolo che si è abbandonato a una sorta di rassegnata inedia e ha ceduto all’alcol. Pablo ha anche una sorella maggiore, sposata, che vive a Londra. Lui studia Filosofia a Milano, dove vive ospite di uno zio pittore.

E poi c’è Italo Rossini, che ha invece quindici anni di più degli altri. Fotografo professionista, Italo ha avuto la ventura di fotografare i ragazzi durante una manifestazione. A quello scatto Rossini è rimasto affezionato, come a un ricordo esemplare di gioventù ribelle, e grazie a una mostra nel ventennale del Sessantotto riesce a conoscere quegli ex-ragazzi e si incuriosisce per le svolte delle loro vite…

Grazie a lui, seguiremo così i protagonisti fino agli anni Ottanta, con una narrazione che non rispetterà necessariamente la linea cronologica degli eventi, tra l’Italia, l’Europa e il resto del mondo, compreso il Cile del golpe del 1973.

GIANFRANCO MANFREDI è nato a Senigallia (Ancona) e vive a Milano, dove si è laureato in Storia della Filosofia. Ha pubblicato un saggio su L’amore e gli amori in J. J. Rousseau (Mazzotta, 1978) e ha esordito nella narrativa con Magia rossa (Feltrinelli, 1983/ nuova edizione Gargoyle Books, 2007), cui hanno fatto seguito, sempre per Feltrinelli, i romanzi Cromantica (1985), Ultimi vampiri (1987) e Trainspotter (1989); per Mondadori: Il peggio deve venire (1991); per Anabasi: La fuga del cavallo morto (1993); per Marco Tropea Editore: Una fortuna d’annata (2000), Il Piccolo Diavolo Nero (2001), Nelle tenebre mi apparve Gesù (2005); per Gargoyle Books: Ho freddo (2008) e Tecniche di resurrezione (2010); per Mondadori: “La Freccia verde” (2013); per Skira Splendore a Shanghai (2017). In questo stesso ha pubblicato per Agenzia X Ma chi ha detto che non c’è. 1977: l’anno del big bang, una ricostruzione delle vicende di quell’anno non soltanto in Italia. Personaggio multimediale per eccellenza, Gianfranco Manfredi è anche autore di più di trecento canzoni, di numerose sceneggiature cinematografiche e televisive, di saggi di critica musicale. Il suo debutto nel campo del fumetto è avvenuto con la creazione, per la Dardo, di “Gordon Link”, uno scanzonato cacciatore di fantasmi (1991). Dal 1994, Manfredi collabora con Sergio Bonelli Editore, scrivendo numerose sceneggiature per Dylan Dog e per Nick Raider. Nel 1997, firma la serie di ambientazione western Magico Vento, in cui si mescolano elementi horror e magici. Nel 2005 fa il suo esordio come sceneggiatore di Tex, sceneggiando la storia La pista degli agguati, pubblicata sul Maxi Tex di quell’anno. Nel 2007 è la volta di un nuovo progetto per la Casa editrice: Volto Nascosto, un avvincente romanzo a fumetti in quattordici albi. Del 2010 è il seguito di Volto Nascosto, Shanghai Devil, nuova mini-serie in diciotto uscite. Dal 2014 al 2016 manda in edicola il suo personaggio più recente: Adam Wild, serie ambientata questa volta nell’Africa coloniale.

 

SESSANTOTTO. CANI SCIOLTI

Soggetto: Gianfranco Manfredi

Sceneggiatura: Gianfranco Manfredi

Disegni: Luca Casalanguida

Copertina: Luca Casalanguida

Tipologia: Cartonato

Formato: 22 x 30 cm, b/n

Pagine: 128

ISBN code: 978-88-6961-284-8

 

Prezzo: 19 euro

 

http://shop.sergiobonelli.it/libri/2018/04/26/libro/cani-sciolti-sessantotto-1002783/

https://www.facebook.com/AudaceSergioBonelliEditore/

Tour di Presentazioni

 

 Domenica 13 maggio, dalle 15:30 alle 16:30

Incontro al Salone del Libro di Torino, Spazio Bookstock

Mercoledì 16 maggio, ore 18:30

Incontro e firma copie presso la Libreria Mondadori Marghera a Milano

Giovedì 24 maggio, ore 18:00

Incontro e firma copie presso la libreria Feltrinelli di Bologna in piazza Ravegnana

Mercoledì 30 maggio, ore 18:00

Incontro e firma copie presso la libreria Feltrinelli di Torino in piazza C.L.N

Venerdì 8 giugno, ore 18:00

Incontro e firma copie presso la libreria Feltrinelli di Padova in via San Francesco

Giovedì 14 giugno, ore 18:00

Incontro al pubblico e firma copie presso la libreria Feltrinelli di Genova in via Ceccardi

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Novità EINAUDI

http://www.einaudi.it/libri/libro/emanuela-canepa/l-animale-femmina/978880623734

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

pensieri sparsi…

 

 

Alle volte penso di essere in un gran can can dove il tutto sembra muoversi come massa informe. Sembra. Forse è tutto talmente evidente che nella massa si distinguono le coordinate di movimento senza conoscerne la direzione. Questo è il dramma. Quale è la direzione? Dove si andrà a finire? Intanto, l’unico supporto: la Natura, la contemplazione di essa attraverso parole semplici ma vive oneste. Forse un dovere sul quale appoggiarsi è quello dell’onestà, come riconoscenza di sé, incontro. Spesso non si permette l’incontro nemmeno con se stesso.

 

ALESSANDRA PELUSO

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

UN MIO CONTRIBUTO SU “COME EDUCARE ALLA VITA”. Il pensiero di Georg Simmel.

http://siba-ese.unisalento.it/index.php/segnicompr/article/view/19083

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Così fiorirono le università

via Così fiorirono le università

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Mystic energetic photography by Stefano Donno

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per Astrale in Astrale – mystic energetic photography by Stefano Donno

dall’8 al 13 maggio 2018

Casa delle artiste – museo di Alda Merini

Via Magolfa, 32, 20143 Milano MI

Inaugurazione ore 18,00 – 8 maggio 2018

Presenta l’artista Donato Di Poce (poeta, critico d’Arte, scrittore di aforismi)

Mystic Energetic Reading a cura di Chiara Evangelista (poetessa) – lettura di brani alchemici tratti dalla Tradizione Perenne  Alchemica da Ermete Trsimegisto a Paracelsus

“Il concept mistico spirituale evidenzia ma non esaurisce l’aura cinetica di Stefano Donno, che nel recente progetto espositivo denominato – EAW, evidenzia da un lato la sua cultura filosofico-mistica, e dall’altra la voglia di sperimentazione avanguardista. Il risultato è decisamente originale e fuori dagli schemi, in equilibrio tra due focus; quello sul movimento e quello sulla luce che trova nel colore rarefatto e sfumato ectoplasmi astratti e nebbie ancestrali d’intenso fascino e corridoi interiori che ci mettono in contatto e risvegliano i nostri chakra di liberazione e la nostra sete di visione”

“Così sintetizzavo in occasione della sua prima mostra fotografica, il lavoro di Stefano Donno, che è anche Scrittore, poeta, editore, studioso di Filosofia Esoterica (nota di non poco conto ad evidenziare la interdisciplinarietà dell’autore curioso e attento alla cultura e al segno delle cose, ma anche al mondo delle ombre e della realtà in movimento/cambiamento e a all’invisibile, a ciò che altrimenti resterebbe nascosto, non detto, non visto. Potremmo definirla un’estetica della percezione minima e dell’energia. MEAW è un progetto creativo di Stefano Donno che unisce la dimensione astrale iniziatica con la fotografia. La sua idea è quella di attingere a porzioni di sapere appartenenti alla Tradizione Perenne, utilizzando l’aura cinetica dell’ontologia che circonda le azioni fotografiche da lui compiute. La prima fase è quella di portare ad emersione il sapere iniziatico nel mondo profano, attraverso la creazione e la visione estetico/artistica, cercando di fornire spunti di riflessione e ricerca. La seconda è attivare non solo nel subcosciente con il godimento del manufatto estetico/eterico da parte del fruitore, e la simbologia di riferimento (che è attivabile dunque in astrale secondo ancestrali leggi magiche e metafisiche) ma anche le energie che percorrono la superficie su cui le opere sono realizzate. Le diverse tracce e traiettorie cromatiche corrispondono a dei veri e propri circuiti spirituali. Oltre al concetto di invisibile cui accennavamo, Donno lavoro molto su due temi fondamentali della fotografia di ricerca e sperimentale che per il momento chiameremo astratta, che sono IL TEMPO e IL MOVIMENTO e che sono nel suo caso strettamente collegati e creano ulteriori “visioni”, nuova bellezza. (testo critico di Donato Di Poce (poeta, critico d’Arte, scrittore di aforismi)

Info Link

Casa delle artiste – museo di Alda Merini

Via Magolfa, 32, 20143 Milano MI

https://spazioaldamerini.org/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento